Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

"High North 2020". Nuova campagna oceanografica della nave ricerca Alliance

Data:

24/06/2020


E' iniziata dal porto di La Spezia la campagna oceanografica "High North 2020", organizzata dalla Marina Militare e dall'Istituto Idrografico della Marina con destinazione Artico.

L'unità polivalente di ricerca "Alliance" è salpata lunedì 22 giugno, inaugurando così per il nuovo triennio di ricerca di geofisica marina "High North 2020-2022".

La campagna è finalizzata a garantire la continuità delle osservazioni ambientali utili alla comunità scientifica internazionale: l'obiettivo è quello di contribuire ad approfondire la conoscenza degli oceani artici, proprio all’apertura della decade dedicata agli oceani (UN Decade of Ocean Science for Environment Sustainability), e vedrà una forte componente di Young Ocean Researchers.

La "Alliance", al comando del capitano di fregata Andrea Crucitti, è una nave polivalente da ricerca della NATO, con equipaggio della Marina Militare. A bordo sono presenti 48 militari e un team scientifico coordinato anche quest'anno dalla prof.ssa Roberta Ivaldi dell’Istituto Idrografico della Marina Militare. Come per tutte le navi della Marina Militare impegnate in operazioni, è stato attuato uno stringente protocollo sanitario per garantire la salute del personale imbarcato a fronte dell’emergenza COVID-19.

La Alliance fara’ tappa a luglio in Norvegia e nelle isole Svalbard.

Partecipano alle spedizione scientifica l'Istituto di scienze Polari (Isp) e l'Istituto di scienze marine (Ismar) del CNR; tra le altre istituzioni coinvolte figurano l’Istituto nazionale di oceanografia e di geofisica sperimentale (Ogs), il NATO STO-CMRE, il JRC - Centro di Ricerca dell’Unione Europea, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico (Enea), l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), lo European Research Institute (ERI) e l’industria privata e-GEOS.

 


722