Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Ingressi, quarantene, domande frequenti

Data:

07/08/2020


Ingressi, quarantene, domande frequenti

Per contenere la diffusione del virus COVID-19, molti paesi hanno adottato misure restrittive al movimento delle persone e regimi di quarantena per i propri cittadini e per i viaggiatori stranieri. Queste misure sono in fase di allentamento. Si raccomanda tuttavia ai connazionali all'estero di familiarizzare con le disposizioni in vigore in ciascun paese, anche consultando il sito Viaggiare Sicuri, e di monitorare i siti di compagnie aeree, navali e ferroviarie nonché quelli degli areoporti per informazioni aggiornate sulla situazione del traffico per il rientro in patria.

Di seguito troverete informazioni sulle misure adottate dall'ITALIA, dalla NORVEGIA e dall'ISLANDA nonché informazioni per i COLLEGAMENTI AEREI

 


INFORMAZIONI E
RISPOSTE ALLE DOMANDE FREQUENTI SULL'INGRESSO E GLI SPOSTAMENTI IN ITALIA E ALL'ESTERO  per i cittadini Italiani in rientro dall’estero e i cittadini stranieri che desiderano recarsi in Italia
(fonte: Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione).

Ingresso consentito:
dal 3 giugno sono consentiti liberamente (con alcune eccezioni per l'obbligo di quarantena, v. sotto) gli spostamenti da e per Stati membri dell’Unione Europea, Stati parte dell’accordo di Schengen (gli Stati non UE parte dell’accordo di Schengen sono: Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera), Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del nord, Andorra, Principato di Monaco, Repubblica di San Marino e Stato della Città del Vaticano.

Dal 9 luglio chi entra in Italia è tenuto a consegnare al vettore o alle forze di polizia, in caso di controlli, una autodichiarazione secondo il modello scaricabile QUI. Chi fa ingresso in Italia dai Paesi sopra elencati dovrà compilare soltanto la prima parte del modulo (scegliendo l'opzione alla lettera K). Per chi entra in Italia per via aerea, l'autocertificazione può essere compilata anche al momento dell'imbarco.

Ingresso vietato:
dal 16 luglio 2020, con decreto del Ministro della Salute, la lista dei paesi terzi per i quali è vietato l’ingresso ed il transito nel territorio italiano a tutti coloro che nei quattordici giorni precedenti vi abbiano soggiornato o transitato è la seguente: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Bosnia Erzegovina, Brasile, Cile, Kosovo, Kuwait, Macedonia del nord, Moldova, Montenegro, Oman, Panama, Perù, Repubblica dominicana, Serbia (per Kosovo, Montenegro e Serbia il divieto si applica dal 16 luglio, per tutti gli altri Paesi dell’elenco il divieto si applica dal 9 luglio). Al fine di garantire un adeguato livello di protezione sanitaria, sono altresì sospesi i voli diretti ed indiretti da e per i paesi sopra elencati.

Obbligo di quarantena (isolamento fiduciario):
Paesi UE: dal 24 luglio Bulgaria e Romania sono state inserite nella lista dei paesi per i quali vige l'obbligo di quarantena. Chi entra da Bulgaria o Romania o ha soggiornato/transitato in Bulgaria o Romania negli ultimi 14 giorni deve osservare 14 giorni di isolamento fiduciario.

Paesi terzi: La lista dei 12 paesi terzi i cui residenti possono entrare nel territorio italiano, fermo restando l’obbligo di quarantena è la seguente: Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Repubblica di Corea, Tailandia, Tunisia, Uruguay.

La quarantena si applica se il viaggiatore effettua un transito aeroportuale in un paese/area considerati a rischio.

La quarantena si applica sempre a persone risultate positive al virus COVID-19 e a persone che hanno avuto contatti stretti con casi confermati positivi al virus.

Telefoni di pubblica utilità 1500 or 800912491

- Pagina del Governo italiano sul Covid-19: http://www.governo.it/it/coronavirus
- Pagina del Ministero della Salute: http://www.salute.gov.it/portale/home.html 


Ingresso:
a partire dal 16 marzo 2020 sono stati temporaneamente re-introdotti i controlli in entrata ed uscita delle frontiere interne ed esterne dell'area Schengen. La misura è prorogata fino al 15 agosto.
https://www.regjeringen.no/en/aktuelt/stricter-border-controls-being-introduced/id2693624/.
Svalbard: dal 15 luglio vengono riaperti i viaggi da e per alcuni paesi Schengen e SEE, tra cui l'Italia, senza restrizioni e obbligo di quarantena (v. sotto).

Paesi Schengen/UE: Dal 15 luglio sono consentiti gli spostamenti da e per i paesi UE/SEE e Schengen, tra cui l'Italia. Per alcuni paesi dell'area considerati a rischio si applica l'obbligo di quarantena (v. sotto).
I viaggiatori in arrivo, in aggiunta al passaporto, devono poter documentare la loro residenza in un paese Schengen/UE/.

Paesi terzi: A partire dal 15 luglio, il governo prevede di consentire l'ingresso di cittadini stranieri provenienti da paesi esterni all'area Schengen/UE (paesi terzi) che hanno relazioni famigliari o affetti stabili in Norvegia. Per questi cittadini restano validi l'obbligo della quarantena e le disposizioni ordinarie della legge sull'immigrazione.
https://www.regjeringen.no/en/aktuelt/romantic-partners-and-family-members-of-norwegians-may-now-come-to-norway-to-visit/id2722618/

Risposte alle domande più frequenti sull'ingresso nel paese fornite dal Direttorato per l'Immigrazione:
https://www.udi.no/en/about-the-corona-situation/visits-holiday-and-leisure-trips/

Ultimo avviso ai viaggiatori del Ministero degli Affari Esteri:
https://www.regjeringen.no/en/aktuelt/changes-in-the-travel-advice-for-the-czech-republic-france-monaco-and-switzerland/id2724098/

Quarantena (isolamento fiduciario):
Ai viaggiatori stranieri in arrivo da paesi per i quali vigono restrizioni per l'ingresso in Norvegia viene chiesto di rientrare al paese di origine. In alternativa devono osservare una quarantena di 10 giorni.
I viaggiatori stranieri che sono in quarantena ma non mostrano segni di contagio al virus, possono lasciare il paese a condizione che siano attuate adeguate misure di controllo nel trasferimento dal posto di quarantena al posto di partenza.
I cittadini norvegesi o i residenti in Norvegia in arrivo dagli stessi paesi devono osservare una quarantena preventiva per 10 giorni.

Paesi Schengen/UE: alcuni dei paesi dell'area Schengen/UE sono considerati paesi a rischio ("rossi"). Sono paesi dove non è registrato "un indice di contagio accettabile" ovvero superino i limiti fissati dalle autorità sanitarie norvegesi (sostanzialmente non più di 20 casi positivi su 100.000 abitanti).  Le autorità norvegesi sconsigliano i viaggi non essenziali verso questi paesi e i viaggiatori in arrivo devono osservare l'obbligo di quarantena. Attualmente i paesi interessati sono: Francia, Principato di Monaco, Svizzera e Repubblica Ceca (dall'8 agosto), Belgio (dal 1 agosto), Spagna, Andorra, Portogallo, Croazia, Romania, Bulgaria, Lussemburgo ed alcune regioni della Svezia (dal 25 luglio).
La descrizione dei criteri e la mappa dei paesi/aree "verdi", "rossi" e grigi, che viene normalmente aggiornata ogni 14 giorni. sono disponibili al link https://www.fhi.no/en/op/novel-coronavirus-facts-advice/facts-and-general-advice/travel-advice-COVID19/
Il Governo valuta costantemente la riapertura verso altri paesi/aree sulla base degli sviluppi della situazione del contagio, ma anche la re-introduzione di misure restrittive per l'ingresso e l'obbligo di quarantena qualora si verifichino cambiamenti peggiorativi.
La quarantena si applica sempre a persone risultate positive al virus COVID-19 e a persone che hanno avuto contatti stretti con casi confermati positivi al virus.
La quarantena si applica se il viaggiatore effettua un transito aeroportuale in un Paese/area considerati a rischio.

Informazioni dettagliate sulle modalità, la durata e le persone -contagiate o di contatto- che debbono osservare il regime di quarantena sono disponibili ai link:
https://helsenorge.no/koronavirus/travel-advice#Travel-quarantine
https://www.fhi.no/en/op/novel-coronavirus-facts-advice/testing-and-follow-up/follow-up-close-contacts/

Per informazioni chiamare il numero 815 55 015, in caso di emergenza il numero 116 117.

- Pagina del Governo norvegese sul Covid-19: https://www.regjeringen.no/en/topics/koronavirus-covid-19/id2692388/
- Pagina dell'Istituto Norvegese della Salute: https://www.fhi.no/en/id/infectious-diseases/coronavirus/


Ingresso:
sono consentiti gli spostamenti da e per i paesi UE/SEE e Schengen, dal Regno Unito, nonché Andorra, Principato di Monaco, Repubblica di San Marino e Stato della Città del Vaticano. Inoltre, in linea con le decisioni comunitarie, è permesso l'ingresso ad altri 12 paesi terzi (esterni all'area UE/Schengen).  Per i cittadini provenienti da altri paesi è permesso l’ingresso solo per viaggi di carattere essenziale.
https://www.utl.is/index.php/en/about-directorate-of-immigration/news

Quarantena (isolamento fiduciario):
A partire dal 1 agosto, in aggiunta alla re-introduzione di alcune restrizioni sul distanziamento sociale, sugli assembramenti e sull'apertura di attività di ristorazione, tutti i viaggiatori in arrivo da aree ad alto rischio che intendono soggiornare in Islanda per più di dieci giorni e che sono risultati negativi al primo tampone effettuato al momento del loro arrivo in Islanda, devono effettuare un secondo tampone, gratuito, dopo quattro-sei giorni dall'arrivo ed osservare particolari precauzioni. L'obbligo del secondo tampone era in vigore dal 15 luglio solo per i residenti in Islanda.
https://www.government.is/news/article/2020/07/30/Iceland-takes-precautionary-measures

Aree ad alto rischio: isole Faroe e Groenlandia (dal 14 maggio) e Danimarca, Norvegia, Finlandia e Germania (dal 16 luglio) sono considerate aree/paesi non a rischio: https://www.covid.is/categories/tourists-travelling-to-iceland
 
Precauzioni da osservare: https://www.government.is/news/article/2020/07/10/Icelanders-and-residents-in-Iceland-to-take-special-precautions-on-arrival-in-Iceland/

Dal 1 luglio i viaggiatori in arrivo devono osservare un periodo di quarantena di 14 giorni oppure sottoporsi ad un tampone (test PRC) all'arrivo. Il tampone è a pagamento ad un costo, a carico del viaggiatore, di 9.000 ISK (se effettuato alla registrazione del viaggio) o 11.000 ISK (se effettuato all'arrivo in Islanda), circa 60-80 euro. I minori nati dopo il 2005 sono esenti dal tampone.
Dal 16 luglio, i viaggiatori residenti in Danimarca, Norvegia, Finlandia e Germania, oltre che dalle Isole Faroe e della Groenlandia, sono esenti dall'obbligo di sottoporsi al tampone o della quarantena.
I cittadini islandesi e i residenti in Islanda che scelgono di sottoporsi al test all'arrivo dovranno prendere precauzioni speciali durante i primi cinque giorni dopo l'arrivo in Islanda o fino a quando non potranno essere testati per la seconda volta per il virus SARS-CoV-2.
https://www.government.is/news/article/2020/07/10/Icelanders-and-residents-in-Iceland-to-take-special-precautions-on-arrival-in-Iceland/

Prima della partenza per l'Islanda, i viaggiatori dovranno altresì compilare un modulo di registrazione (con dati personali, informazioni relative al viaggio e di carattere sanitario). L'autocertificazione è disponibilie al link: https://visit.covid.is/. 
Ai turisti viene inoltre raccomandato di scaricare l'applicazione mobile di tracciamento islandese Rakning C-19.

Informazioni per i viaggiatori del Direttorato della Sanità:
https://www.landlaeknir.is/servlet/file/store93/item41745/GA%20Passengerinfo%20updated%2014062020.pdf

In caso di necessità contattare il numero telefonico 1700 (00354 544-4113 da telefoni stranieri).

- Pagina del Governo islandese sul Covid-19: https://www.covid.is/.

 

Le indicazioni riportate di seguito sono soggette a variazioni anche con breve preavviso. Verificare sempre con le compagnie aeree l'operatività effettiva dei voli.

Non ci sono al momento volo diretti tra Italia e Norvegia e Italia ed Islanda. Vi sono connessioni possibili con alcuni scali, per la Norvegia, via Stoccolma (Arlanda), Copenaghen (Kastrup), Amsterdam (Schiphol), Francoforte; per l'Islanda, pochi voli via Zurigo, Monaco, Berlino, Amsterdam, Parigi, Copenaghen, Vienna, Francoforte, Stoccolma, Oslo, Londra, Praga.

 


694