Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Proroga dell’introduzione dell'obbligo di identità digitale per l’accesso ai servizi consolari on-line

Data:

17/01/2023


Proroga dell’introduzione dell'obbligo di identità digitale per l’accesso ai servizi consolari on-line

Con il Decreto Legge n. 198 del 29 dicembre 2022 (c.d. “Decreto Milleproroghe”), è stata stabilita una ulteriore proroga al termine (previsto inizialmente per il 31 dicembre 2022) relativamente all'impossibilita' delle PA di rilasciare o rinnovare credenziali per l'identificazione e l'accesso dei cittadini ai propri servizi in rete, diverse da SPID, CIE e CNS.
Tale proroga è stata estesa di ulteriori 12 mesi, fino al 31 dicembre 2023.

Quali gli effetti pratici di questa proroga?

Coloro che possiedono già le credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), CIE (Carta di Identità Elettronica) o CNS (Carta Nazionale dei Servizi), rilasciate prima del 31 dicembre 2023, potranno utilizzarle per accedere ai servizi online delle Pubbliche Amministrazioni fino al 31 marzo 2024.

Gli altri cittadini potranno continuare a usufruire dei servizi consolari in rete senza dover obbligatoriamente impiegare credenziali SPID, CIE o CNS fino al 31 marzo 2024. Sarà, pertanto, possibile, per i connazionali residenti all’estero, continuare ad accedere a FAST-IT, per trasmettere le richieste di iscrizione all’AIRE, le variazioni di indirizzo e utilizzare le altre funzionalità messe a disposizione dal portale dei servizi consolari online, anche utilizzando le credenziali tradizionali di cui sono in possesso.

Già adesso, gli utenti che accedono con SPID hanno il vantaggio di non dovere presentare un ulteriore documento di identità all’operatore consolare.
L’acquisizione dell’identità digitale costituisce un momento fondamentale nel processo di progressiva digitalizzazione della Pubblica Amministrazione, consentendo ai cittadini un accesso semplice, sicuro e rapido ai servizi online, e all’Amministrazione di essere certa dell’identità degli utenti, garantendo agli utenti elevati livelli di sicurezza in fase di autenticazione e di utilizzo dei servizi.


979